ECO LOGICO. INTORNO AL CENTENARIO DI LUIGI NONO a Trapani

Per gli Amici della Musica di Trapani il Duo Alterno celebra ancora una volta il centenario della nascita di Luigi Nono con un concerto al Museo Diocesano di Arte Contemporanea il 10 maggio 2024. Lo fa in modo che è, come suo solito, alternativo, ritrovando nel capolavoro La fabbrica illuminata per voce e nastro magnetico non solo un importante riferimento che denuncia il disumano ambiente di lavoro in cui si trovavano a lavorare gli operai dell’Italsider di Genova nel 1964, ma, in modo evidentemente connesso e non meno rilevante, la denuncia di un’altra forma di inquinamento cui siamo ogni giorno sottoposti: l’inquinamento acustico, inteso come sconfinamento dannoso in termini spesso di decibel e, sempre, di umano rispetto. La tematica ecologica viene qui espressa in modalità alterne, eterogenee più che omogenee, volte ora a un senso tragico e ora ironico e lieve.


PROGRAMMA

il Duo Alterno
Tiziana Scandaletti soprano
Riccardo Piacentini pianoforte e foto-suoni

John Cage
A flower (1950)
The wonderful widow of eighteen springs (1942)

per voce e pianoforte chiuso
(testi di James Joyce)

Riccardo Piacentini
Eco logico (2023)
Otto improvvisazioni per pianoforte e foto-suoni
registrati e “com-posti” tra Padova e Venezia
I. Acqueo e propulsivo – II. Perso nel blu, più lento – III. Rosso papavero, veloce come il vento – IV. Perso nel giallo, di nuovo più lento – V. Trèmulo e leggero – VI. Corale del papero triste – VII. Tempo dei foto-suoni, ascoltandoli sino alla fine – VIII. En plein air, schiamazzante con brio]

Luigi Nono
La fabbrica illuminata (1964)
per voce femminile e nastro magnetico
(testi di Giuliano Scabia e Cesare Pavese)

Gioachino Rossini
Memento Homo (~ 1865)per pianoforte

(da “Péchés de vieillesse”, 1857-1868)

Ennio Morricone
Tango un po’ caricaturale (1970, vers. 2018)
per soprano e pianoforte

Dedicato al Duo Alterno

Ada Gentile
Come passa la giornata Betty Boop (2006)
Piccole scene buffe per pianoforte e voce femminile liberamente intonata
I. I pensieri di Betty Boop – II. A passeggio con Boby
– III. Giocando a palla – IV. Lezione di solfeggio – V. Pattinando sul ghiaccio
– VI. A scuola di ballo: A tempo di valzer e American rock
(testi di Sandro Cappelletto)
Dedicato al Duo Alterno

BREVE PRESENTAZIONE

Eco logico. Intorno al centenario della nascita di Luigi Nono è un progetto ideato dal Duo Alterno che – da Nono a Rossini, da Morricone ai viventi – intende sensibilizzare su problematiche ecologiche e sociali attraverso il linguaggio della musica. Tutti i brani inclusi nel programma rimandano in modi diversi all’ecologia e, con messaggi variamente subliminali, alle attuali istanze sociali. In posizione centrale, nel centenario della nascita del compositore veneziano Luigi Nono e a sessant’anni esatti dalla sua composizione, La fabbrica illuminata per voce e nastro magnetico (1964), uno dei capolavori della musica italiana degli ultimi decenni che, attraverso registrazioni ed elaborazioni delle voci degli operai delle acciaierie Italsider di Genova-Cornigliano e dei suoni del loro ambiente di lavoro, le condizioni acustiche e, per riflesso, sociali (o viceversa) in cui gli operai si trovavano a lavorare. Il soprano Tiziana Scandaletti ne ha curato una delle rare incisioni discografiche riproponendone qui l’esecuzione dal vivo. Tutto il programma ruota, per assonanze e dissonanze, intorno a questo indimenticabile lavoro. I due brani iniziali di Cage (scritti tra il 1942 e il 1950) contengono vocalizzi e suoni della natura vocalmente riprodotti, mentre il pianoforte è suonato direttamente sulle parti lignee come un primordiale strumento a percussione; il risultato è sorprendente e di straordinaria magia. Il brano a seguire, Eco logico del compositore torinese Riccardo Piacentini, dà il titolo al concerto e utilizza foto-suoni registrati tra Padova e Venezia (città di Luigi Nono) con cuculi mattinieri e lo starnazzare di un’oca che rimanda insieme a felicità e disperazione. Con un balzo nel tempo, dopo il brano di Nono c’è uno degli ultimi capolavori del grande Rossini, Memento homo dai Péchées de vieillesse (1857-65), che al pezzo di Nono si avvicina per la forza di riflessione sulla condizione umana: un capolavoro che sa essere lieve e profondo al tempo stesso, molto gradevole all’ascolto ma anche molto intenso, come un mònito rivolto al futuro: Ricordati, uomo! Di qui al Tango un po’ caricaturale (2017) di Ennio Morricone, brano dedicato al Duo Alterno poco prima della scomparsa dell’Autore, il passo è breve; c’è ironia, c’è drammaticità, c’è la forza di una grande musica che desume il tema principale della celebre colonna sonora del film Un cittadino al di sopra di ogni sospetto e vi ricama una parte completamente nuova scritta appositamente per la voce di Tiziana e le mani di Riccardo: un brano prezioso e ricco di pathos, di cui il Duo Alterno è onorato di essere dedicatario. Per concludere, cinque “piccole scene buffe” che sono un precipitare di gradevolezza. Come passa la giornata Betty Boop (2006) è un lavoro molto divertente, anche questo dedicata al Duo, della compositrice romana Ada Gentile sui testi sorridenti di Sandro Cappelletto; si racconta la giornata ecologica di Betty Boop insieme al suo fedele cane Boby: inutile dire che Betty è Tiziana e Boby Riccardo.